CHI SIAMO / 2CRUSHSITE.IT / BLOG / FACEBOOK / GUIDA ALL'USO E PRIVACY



calendario
tutti gli appuntamentir
danza, teatro, performing art
r
musica
r
incontri (convegni, escursioni, etc.) r
didatticar
cinemar
mostre
r
notizie, novità, approfondimenti
tutti gli articolir
soggetti
l'indice dei soggetti partners crushsite.it
Consulta la pagina guida all'uso e privacy per conoscere come funziona il sito.
- (Foto dal sito ufficiale)
- (Foto dal sito ufficiale)

Compagnia Glauco Mauri – Roberto Sturno: Edipo Re

Data: da Giovedì 23 a Domenica 26 marzo 2017
Dove: Teatro Sociale, Via Oss Mazzurana, Trento
Orario: ore 20.30 (domenica ore 16.00)

Ciclo "Grande prosa".
Di Sofocle / regia Andrea Baracco / con Glauco Mauri e Roberto Sturno.


L'eccezionale coppia di interpreti formata da Glauco Mauri e Roberto Sturno porterà in scena da giovedì 23 a domenica 26 marzo 2017 al Teatro “Sociale” di Trento «EDIPO RE» di Sofocle, nono appuntamento con la Stagione di Prosa 2016/2017 del Centro Servizi Culturali Santa Chiara. La regia è di Andrea Baracco.

Con questo nuovo, moderno allestimento firmato da Andrea Baracco, la Compagnia Mauri - Sturno torna a mettere in scena a distanza di vent’anni, in co-produzione con Fondazione Teatro della Toscana, il capolavoro di Sofocle, per analizzare più compiutamente il mito immortale di Edipo.
Tragedia del riconoscimento e del rovesciamento, «EDIPO RE» (la cui prima rappresentazione si colloca tra il 430 e il 420 avanti Cristo) è ambientata nella città di Tebe, ammorbata da una grave pestilenza. Il popolo implora l'aiuto del re ed Edipo riferisce di aver inviato Creonte, fratello della moglie Giocasta, a consultare nel merito l'Oracolo di Delfo. Quando questi sopraggiunge con la risposta, apprende che la peste si protrarrà fino a quando resteranno impunti gli uccisori di Laio, che lo aveva preceduto sul trono. Il re scaglia terribili maledizioni contro costoro e consulta l'indovino Tiresia che gli riferisce una terribile verità: Edipo scopre così di essere stato egli stesso ad uccidere Laio, inconsapevole che quel vecchio con il quale aveva avuto un alterco durante un viaggio alla volta della Beozia, era in realtà il re di Tebe, il suo vero padre che non aveva mai conosciuto, e che Giocasta, la vedova di Laio che ha sposato, è sua madre. Sopraffatta dalla tremenda verità, la donna si toglie la vita ed Edipo, per punirsi dell'involontario parricidio, si acceca e si condanna all'esilio. 
Edipo, sovrano amato e stimato da tutti ma coinvolto in situazioni immorali al di là della sua volontà, è solo contro il destino. L’ansia della verità lo guida verso l’autodistruzione, facendogli scoprire l’altra faccia di se stesso. Edipo omicida, che porta la peste, è l’ombra dell’Edipo che elargisce il bene. Assalito dal sospetto e dalla paura, egli ripercorre la trama delle vicende che lo hanno reso assassino. Scava nel suo passato per potersi salvare, per liberarsi dalla colpa che porta su di sé e dalla responsabilità dell’errore commesso. Scava nel suo passato quando gli altri, intorno a lui, sembrano già conoscere ogni cosa.
Alla fine del suo lungo cammino Edipo comprende se stesso, la luce e le tenebre che sono dentro di lui, ma afferma anche il diritto alla libera responsabilità del suo agire. Edipo è pronto ad accettare tutto quello che deve accadere ed è pronto a essere distrutto purché sia fatta luce. Solo nell’interrogarci comincia la dignità di essere uomini. E’ questo che Sofocle con la sua opera immortale dice a tutti noi.
Nel ruolo di Edipo sarà in scena Roberto Sturno, mentre Glauco Mauri vestirà a panni del vecchio indovino Tiresia. A dirigere questa coppia di attori, che fin dall'inizio degli anni Ottanta sta regalando al pubblico italiano e non solo pagine di grande teatro, sarà Andrea Baracco, un regista che sa affrontare gli autori classici con un approccio moderno, in parte ispirato a Nekrosius. Barbara Giordano sarà Giocasta e Roberto Manzi Creonte. A completare il cast degli interpreti Paolo Benvenuto Vezzoso (Laio), Ivan Aloisio (il coro), Laura Garofoli (una donna), Mauro Mandolini (un uomo di Corinto) e Laurence Mazzoni (il messo). Scene e costumi sono di Marta Crisolini Malatesta, le musiche di Germano Mazzocchetti.
«Lo spettacolo è ambientato – come riferisce su Quarta Parete Nicole Jallin – in una Tebe che è “luogo” scuro post apocalittico, tra una ferrosa reggia-container (anche sfondo per video proiezioni) e una terra annerita dalla peste e dalla morte. […] Sorta d’anticamera infernale, qui stanno e s’agitano un coro riassunto in un unico uomo che è prima severo rivelatore, poi schietto accusatore, infine osservatore arido d’empatia; una Giocasta la cui incredulità e speranza ingenua e vacillante sono causa di storte e seri crolli anatomici; un giovane Creonte sfacciato stratega in mise elegante; un nunzio che descrive con cenni autoerotici il suicidio regale. […] L'attrito si fa violento tra Tiresia (Mauri) che impone pronta immobilità fisica della verità e del destino e il re Edipo che trova in Sturno un concentrato di inquietudine e nevrosi motrice: entrambi erranti (perpetui) da se stessi, come, per gradi diversi, tutti gli altri, che rispondono, va detto, a un notevole sforzo attoriale.»
«Affrontare di nuovo Sofocle – racconta Galuco Mauri – mi ha arricchito di umanità, di poesia. Interpretare questi grandi personaggi, così ricchi, ti fanno diventare un po' bambino, ti danno la possibilità di commuoverti, di emozionarti, di stupirti. Ed è per questo che, alla mia età, mi sento un bambino con i capelli bianchi.»
Giovedì 23 marzo il sipario del Teatro “Sociale” si alzerà alle 20,30. Sono previste repliche venerdì 24 e sabato 25, sempre con inizio alle 20.30, e domenica 26 marzo alle ore 16.00. 

Venerdì 24 marzo nel Ridotto del Teatro Sociale
«FOYER DELLA PROSA» con Glauco Mauri e Roberto Sturno

La rappresentazione di «EDIPO RE» sarà accompagnata, nel pomeriggio di venerdì 24 marzo presso lo spazio ridotto del Teatro Sociale, da «FOYER DELLA PROSA», incontro di approfondimento critico che il Centro Servizi Culturali S. Chiara propone in collaborazione con il Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Trento. La discussione sarà introdotta dalla prof.ssa Sandra Pietrini.
La partecipazione è libera e aperta a tutti e l'appuntamento, al quale interverranno Glauco Mauri, Roberto Sturno e la compagnia, è fissato alle 17,30.

Baby-Sitting al “Sociale” con TATA A TEATRO
Anche in occasione della rappresentazione di «EDIPO RE» in calendario la domenica pomeriggio, sarà attivo il servizio di baby-sitting Tata a Teatro, garantito all’interno del Teatro Sociale dal personale della cooperativa sociale Progetto 92. I genitori con figli in età compresa tra 3 e 10 anni potranno godersi lo spettacolo in tutta tranquillità, potendo contare su questo servizio professionale di custodia e intrattenimento che, agli abbonati,  sarà offerto gratuitamente. Per i non abbonati è previsto invece un costo di 5 euro a bambino. Potranno essere accolti al massimo 14 bambini ed è necessaria la prenotazione al numero verde 800 013952.

Informazioni:
https://www.facebook.com
http://www.centrosantachiara.it


Iniziativa segnalata da Centro S. Chiara / La stagione di teatro 2017/18


Crushsite.it è un portale regionale di cultura, arte e spettacolo e una web agency specializzata nel settore culturale.
chi siamo


Crushsite.it è una testata registrata presso il Tribunale di Rovereto, Nr. 3 bis/2008 del 14/03/2008 - REA 180005 - P.IVA: 01815580228 - CF. STFSML71P21L378C.
Direttrice responsabile: Claudia Gelmi.
Il sito contiene comunicati stampa e materiali promozionali forniti dai partner del servizio. Copyright dei rispettivi proprietari.