CHI SIAMO / 2CRUSHSITE.IT / BLOG / FACEBOOK / GUIDA ALL'USO E PRIVACY



calendario
tutti gli appuntamentir
danza, teatro, performing art
r
musica
r
incontri (convegni, escursioni, etc.) r
didatticar
cinemar
mostre
r
notizie, novità, approfondimenti
tutti gli articolir
soggetti
l'indice dei soggetti partners crushsite.it
Consulta la pagina guida all'uso e privacy per conoscere come funziona il sito.

Liberi e libere di essere 2017

Data: da Sabato 13 a Sabato 20 maggio 2017
Dove: Vari luoghi, Trento

Gli eventi di Liberi e libere di essere per celebrare la Giornata internazionale contro l'omofobia e la transfobia.

Sabato 13 Maggio | 21:00
Marina Rei: Unplugged Tour 2017
Teatro S. Marco – via S. Bernardino 8, Trento
Marina Rei porta a Trento in versione acustica, accompagnata dal violoncellista Mattia Boschi, i suoi cavalli di battaglia “Noi”, “Al di là di questi anni”, “Primavera”, “I miei complimenti”, “Fammi entrare”, fino all’ultimo singolo “Portami a ballare”.
Una voce unica nel panorama cantautorale italiano che affronta generi tra il soul, il rock e il pop-dance.
Una donna che, come percussionista e batterista, scardina in qualche modo i ruoli di genere, che vedono nelle percussioni territorio di pertinenza maschile.
Sul palco lancerà un importante messaggio contro l’omotransfobia e per la libertà di essere se stessi.

Domenica 14 Maggio | 17:00
Aperitivo Rainbow: il diritto di esserci
Cafè de la paix – passaggio teatro Osele 6/8, Trento
L’aperitivo inaugurale si svolgerà come da tradizione al Cafè de la paix – circolo ARCI del Trentino. Verranno presentati gli eventi di questa edizione alla cittadinanza durante un rinfresco offerto dagli organizzatori.
Durante l’aperitivo sarà possibile partecipare al gioco “Il diritto di esserci” organizzato da Amnesty International Trento, attraverso il quale si potrà riflettere sui diritti LGBT violati e sui traguardi raggiunti in diversi Paesi del mondo.

Lunedí 15 Maggio | 18:30
Identità di genere, costruzioni storiche e culturali
MUSE – Museo delle scienze, Sala conferenze – Corso del Lavoro e della Scienza 3, Trento
Con Vincenzo Lagioia, Università degli Studi di Bologna, e Alessandra Gribaldo, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Modera Arianna Miriam Fiumefreddo, Rete ELGBTQI* del Trentino Alto Adige – Sudtirol.
L’esigenza di approfondire il tema dell’ “Identità di genere, costruzione storiche e culturali” nasce dalla volontà di fare chiarezza rispetto alle tematiche di genere, e in particolare rispetto al tema dell’identità di genere, come costrutto storicamente e culturalmente determinato. In una società fortemente improntata al “determinismo di genere” per cui uomini e donne si nasce, risulta assai efficace riflettere su come, in altre epoche e in altre culture la femminilità e la maschilità si siano costruite attraverso modelli differenti da quello della cultura occidentale di oggi. In particolare verrà approfondito il tema del transgenderismo, della transessualità e della varianza di genere nelle culture diverse dalla nostra.
Seguirà buffet offerto dall’organizzazione.

Lunedí 15 Maggio | 20:30
La varianza nello sviluppo dell’identità di genere
MUSE – Museo delle scienze, Sala conferenze – Corso del Lavoro e della Scienza 3, Trento
Con Paolo Valerio, Università Napoli e presidente ONIG, Camilla Vivian, blog Mio figlio in rosa, e Ale Martorana, non-binary vlogger – modera Roberta Bommassar, docente CeRP e vicepresidente dell’Ordine degli Psicologi Provincia di Trento.

La tematica de “La varianza nello sviluppo dell’identità di genere” verrà affrontata a partire dall’esperienza della madre di un bambin* genderfluid e di un ragazz* con una identità di genere non binaria. La necessità di approfondire questo tema nasce dalla sempre maggior consapevolezza di tant* ragazz* di non volersi far ingabbiare nel binarismo di genere con le difficoltà che questo comporta in una società abituata ad escludere che non si conforma alla dicotomia maschile/femminile. La necessità di affrontare questo tema è emersa anche dalle tante polemiche nate attorno alla fantomatica “ideologia gender” e allo spettacolo “Fa’afafine” di Giuliano Scarpinato, che ha messo in scena la storia di un bambino che non ama identificarsi in uno o nell’altro genere. Saranno proprio gli studi psicologici a venirci in supporto e a spiegarci quando e come si struttura l’identità di genere e se essa debba necessariamente essere ricondotta al binarismo di genere cui siamo abituati o se piuttosto esista un continuum all’interno del quale chiunque di noi può identificarsi ed esprimersi.

Martedí 16 Maggio | 21:00
Proiezione film “Laurence Anyways” di Xavier Dolan
Cinema Multisala Astra – corso Buonarroti 16, Trento
Montréal, Canada, 1989. Laurence è uno stimato professore di letteratura in un liceo e un apprezzato romanziere esordiente.
Nel giorno del suo 35esimo compleanno, confessa alla propria fidanzata che la sua vita è una totale menzogna. Laurence ha sempre sentito di essere nato nel corpo sbagliato.
Donna costretta in abiti e attributi maschili, Laurence ha finalmente preso consapevolezza del bisogno di non mentire più agli altri e soprattutto a se stesso.
Fred, che sta con lui da due anni, è sconvolta. Ma la loro è una relazione di passione, affinità, complicità, stima, sostegno e un affetto profondissimo.
Dopo un iniziale allontanamento, la coppia si ricompone: Laurence ama Fred comunque, a prescindere dal suo desiderio di diventare donna; Fred non può fare a meno di lui e desidera sostenerlo nel difficile percorso di transizione. Inizia, così, una nuova vita. Ma le ostilità e i pregiudizi che i due innamorati dovranno affrontare, nei dieci anni seguenti, metteranno più volte in discussione il loro rapporto straordinario.
La transessualità non è un soggetto facile e il regista, poco più che ventenne, sceglie di trattarlo nel modo più semplice e naturale possibile: filtrandolo attraverso le lenti del sentimento d’amore, che stempera la drammaticità e l’estremizzazione della vicenda di Laurence, uomo affermato che decide, in età non più giovane, di rinunciare a tutte le certezze acquisite, pur di vivere finalmente se stesso. Laurence Anyways è l’opera di Dolan dal tema più estremo, eppure è la meno urlata, la più delicata. La più narrata e la meno estetizzante, anche se riconosciamo la consueta cura dell’inquadratura, dei costumi, dei colori, della colonna sonora (rigorosamente anni ’80 e ’90) e dei dialoghi. La più disperata, ma anche quella più intrisa di speranza. In definitiva, la più vera.

Giovedí 18 Maggio | 19:15
Presentazione del libro “HO MOLTI AMICI GAY. La crociata omofoba della politica italiana” di e con Filippo Maria Battaglia
Teatro S. Marco – Via S.Bernardino 8, Trento
“Ho molti amici gay. La crociata omofoba della politica italiana”, in uscita il 13 aprile 2017, Bollati Boringhieri editore, è un libro sull’omofobia sociale e istituzionale che ancora attanaglia questo Paese. Non possono fare gli insegnanti né i capi scout, non devono baciarsi e tenersi per mano in pubblico, vanno curati e, se possibile, redenti.
Da sempre la politica italiana dice di non avere «nulla contro gli omosessuali» eppure, da sempre, li discrimina. C’è chi invoca «sobrietà», chi domanda «discrezione», chi chiama in causa la Bibbia, chi ricorre a citazioni d’autore. Passano gli anni, cambiano i toni e gli interlocutori ma il risultato – nonostante gli ultimi passi in avanti – resta lo stesso: diffidenza e fastidio, fino all’aggressione verbale e all’insulto. Sin dal dopoguerra la crociata contro i «malati» e gli «anormali» recluta quasi tutti: capi di Stato e di governo, ministri e parlamentari, segretari e leader di partito. Attecchisce a destra ma spopola anche a sinistra, coinvolgendo figure insospettabili e venerati padri della patria.
«Ho molti amici gay» non è solo l’immancabile premessa di rito prima di ogni discorso omofobo, dentro e fuori dall’Aula. È la storia, succinta e
dettagliata, di quanto la discriminazione e il pregiudizio contro gli omosessuali siano radicati nella politica e nella nostra società. Garantendo all’Italia l’infelice primato del Paese con la classe dirigente più omofoba in Europa.

Giovedí 18 Maggio | 20:45
“Fuori!” Stand-up comedy di e con Daniele Gattano di Colorado
Teatro S. Marco – Via S.Bernardino 8, Trento
“Fuori!” è lo spettacolo di e con Daniele Gattano che già dal titolo omaggia la nascita del movimento omosessuale italiano. E’ un racconto autobiografico dove l’autore/attore si mette sinceramente a nudo, parlando della sua omosessualità. I ricordi di infanzia, il coming out, gli stereotipi, le chat, tutto viene “Fuori!”, uno sfogo dove la risata non è l’obiettivo principale, ma il mezzo.

Giovedí 18 Maggio | 21:30
Note contro l’omofobia – Coro Highlight
Teatro S. Marco – Via S.Bernardino 8, Trento
La musica parla un linguaggio universale e senza tempo. Ecco perché il Coro Highlight ha deciso di proporre alcune canzoni da famosi musical che trattano i temi dell’amore e della libertà di essere se stessi, “Note contro l’omofobia”. Si esibiranno con i seguenti brani: “Seasons of love” da Rent (J. Larson), “Can you feel the love tonight” da The lion king (E. John – T. Rice), “Our time” da Merrily we roll along (S. Sondheim), “Don’t leave me this way” da Priscilla (K. Gamble – L. Huff – C. Gilbert) e “The day after that” da Kiss of the Spieder Woman (J. Kander – F. Ebb).

Sabato 20 Maggio | 22:00
#beyourself Party
L’Arsenale – via degli Orbi 4, Trento
Come ogni anno, anche la quinta edizione di Liberi e Libere di essere prevede un momento più ludico, dedicato maggiormente alla socializzazione.
Un momento che la comunità LGBT trentina organizza per tutta la cittadinanza per creare legami e farsi conoscere anche dai più giovani.
Proprio per questo motivo l’organizzazione è affidata al Gruppo giovani di Arcigay del Trentino e il tema sarà la libertà di esprimersi ed essere se stessi: #beyourself party.

Consulta il programma dell'iniziativa in:
http://www.liberilibere.it


Crushsite.it è un portale regionale di cultura, arte e spettacolo e una web agency specializzata nel settore culturale.
chi siamo


Crushsite.it è una testata registrata presso il Tribunale di Rovereto, Nr. 3 bis/2008 del 14/03/2008 - REA 180005 - P.IVA: 01815580228 - CF. STFSML71P21L378C.
Direttrice responsabile: Claudia Gelmi.
Il sito contiene comunicati stampa e materiali promozionali forniti dai partner del servizio. Copyright dei rispettivi proprietari.