Filtro agenda / Incontri

Aperitivo neuroscientifico

Evento segnalato da Comune di Rovereto
Data: Mer. 16 maggio 2012
Dove: Caffè Le Arti, Mart, Corso Bettini, Rovereto (Tn)
Orario: ore 18.00

Disegnare su tele immaginarie. Quando l'arte aiuta la scienza con Liliana Albertazzi / CIMeC.

Disegnare su tele immaginarie. Sarebbe questa l’operazione eseguita dai nostri occhi per vedere il mondo. La percezione, lungi dall’essere una fedele elaborazione degli stimoli sensoriali, è un’operazione complessa alquanto immaginaria, un’”allucinazione controllata”, secondo la definizione del più autorevole tra gli studiosi della scienza della visione Jan J. Koenderink. La soggettività gioca un ruolo fondamentale nella percezione, la rende variabile in modo indipendente dagli stimoli che abbiamo di fronte, ma a seconda del contesto in cui essi appaiono. Quale rapporto esiste tra il vedere naturale, già intrinsecamente immaginario, e il vedere nello spazio pittorico? Quale il contributo dell’arte ad una nuova scienza dalla visione?

Sarà questo il tema del prossimo Aperitivo Neuroscientifico, dal titolo “Disegnare su tele immaginarie. Quando l’arte aiuta la scienza” con la professoressa Liliana Albertazzi, filosofo della percezione del Centro Mente/Cervello dell’Università di Trento, che si terrà alla Caffetteria Le Arti del MART mercoledì 16 maggio alle ore 18.

Incapaci di trattare l’altrimenti ingestibile moltitudine di stimoli provenienti dall’esterno, la organizziamo in unità significative. Tuttavia, nello stimolo visivo non sono presenti le qualità soggettive che sono alla base della percezione, come il punto di vista dell’osservatore, l’illuminazione, il materiale con cui è costruito un oggetto. Che le apparenze fenomeniche guidino la nostra esperienza visiva era chiaro da tempo agli artisti, che nei secoli, hanno rappresentato di volta in volta alcune caratteristiche come il contrasto (impressionismo) o la simultaneità dei punti di vista (cubismo). Che gli aspetti qualitativi possano entrare a far parte di una sistematica teoria della visione è quanto sostenuto da molti ricercatori, trai quali la professoressa Albertazzi, che partendo dall’analisi degli spazi percettivi e degli spazi pittorici tenterà di rispondere alla domanda se la rappresentazione artistica degli oggetti può esserci utile nella stesura di una nuova scienza dei fenomeni qualitativi, argomento di primario interesse sia per le discipline teoriche sia per le loro applicazioni nel design tecnologico, nella robotica situata e nella realtà virtuale.

 


Evento segnalato da Comune di Rovereto

Cerchi altri eventi/informazioni?

Filtra gli eventi in calendario tramite il pulsante
+ Filtro agenda.
Consulta la sezione soggetti e luoghi per visionare le programmazioni dettagliate dei nostri inserzionisti.
Se sei in cerca di suggerimenti o ispirazioni puoi consultare la pagina Eventi suggeriti con i consigli della nostra redazione, oppure la sezione Notizie e comunicati.
Vuoi sapere chi siamo o metterti in contatto con noi?: chi siamo, servizi e pubblicità.


Soggetti e luoghi
Consulta l’elenco completo dei nostri inserzionisti nella sezione dedicata


Advertising