Filtro agenda / Incontri

I gioielli di una madre

Evento segnalato da
Data: Ven. 20 aprile 2012
Dove: Museo, Riva del Garda (Tn)
Orario: Ore 16.00
Note: ingresso gratuito

Esposizione di una sepoltura femminile di epoca medioevale rinvenuta a Riva del Garda, via Brione, in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni archivistici e archeologici della Provincia autonoma di Trento.

Ritrovata presso il muro esterno sul perimetro di un  edificio rustico di epoca romana,  ma in epoca tardoantica (V-VI secolo d.C.), questa tomba isolata e costituita da una semplice fossa terragnea conserva le spoglie di due individui, una donna ed un bambino. L’adulta era deposta supina, le braccia flesse e poste in corrispondenza della spalla sinistra dove le mani sembrano quasi raccogliere le fragili ossa di feto o neonato. Per la loro particolare posizione, i due individui sono a diretto contatto tra di loro e l’utilizzo della medesima tomba fa supporre debba trattarsi di una madre e del suo piccolo bimbo morti contestualmente o a poca distanza l’uno dall’altro. L’elevata mortalità infantile diffusa in passato fa sì che contesti di questo tipo non siano purtroppo rari  nei cimiteri di epoca antica.
La donna indossava ancora i suoi ornamenti personali, utili per inquadrare cronologicamente l’epoca della morte. In particolare, ancora inserito nel braccio, era un bracciale in bronzo a cerchio aperto ed estremità claviformi in uso nel VII secolo d.C. Nei pressi del capo erano due orecchini a cestello in argento. Si tratta di manufatti di pregevole fattura, sia per la qualità del materiale sia per il tipo di lavorazione, che sappiamo essere diffusi tra l’ultimo terzo del VI secolo d.C. e la prima metà del VII secolo d.C. Alla base del collo erano infine anche i resti di una catenina in bronzo, quel che rimane probabilmente di una semplice collana. Completano il già ricco corredo tre monete, scarsamente leggibili, un asse e due follis, nominali emessi tra il III ed il IV secolo d. C. ma ancora diffusi nell’altomedioevo.
Alla luce del materiale recuperato la nostra madre ed il suo piccolo bimbo, sicuramente appartenenti alla aristocrazia locale di tradizione indigena, dovrebbero essere morti nel corso della prima metà del VII secolo.
Gli scavi sono stati condotti tra il 17 gennaio ed il 17 febbraio 2012 in via Brione a Riva del Garda, in occasione di lavori per l’allargamento del piazzale della Azienda Benini snc. dall’Ufficio Beni archeologici della Soprintendenza per i beni librari, archivistici, archeologici della Provincia autonoma di Trento con una indagine archeologica in un fondo di proprietà dei fratelli Benini, sito a Riva del Garda in via Brione.


Evento segnalato da

Cerchi altri eventi/informazioni?

Filtra gli eventi in calendario tramite il pulsante
+ Filtro agenda.
Consulta la sezione soggetti e luoghi per visionare le programmazioni dettagliate dei nostri inserzionisti.
Se sei in cerca di suggerimenti o ispirazioni puoi consultare la pagina Eventi suggeriti con i consigli della nostra redazione, oppure la sezione Notizie e comunicati.
Vuoi sapere chi siamo o metterti in contatto con noi?: chi siamo, servizi e pubblicità.


Soggetti e luoghi
Consulta l’elenco completo dei nostri inserzionisti nella sezione dedicata


Advertising