Filtro agenda / Incontri

Inaugurazione della mostra "Il cielo in una stanza"

- (Foto dal sito ufficiale)
- (Foto dal sito ufficiale)
Data: Dom. 31 agosto 2014
Dove: Museo Caproni, via Lidorno, Trento
Orario: ore 11.00
Note: ingresso gratuito

Il Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni inaugura, domenica 31 agosto alle 11.00, l’esposizione “Il cielo in una stanza” una selezione di circa cinquanta modelli di aereo in scala, realizzati dall’ingegner Ermanno Saltini e donati dalla famiglia al Museo. La generosità di questo lascito testimonia le profonde relazioni intessute fra il Museo e la famiglia dell’ingegnere appassionato di aeromodellismo, scomparso un anno fa, e lo ricorda con l’esposizione al pubblico di una selezione tra gli oltre mille modellini da lui realizzati in più di 30 anni di attività.
Ermanno Saltini (Modena, 1923-2013) Croce al Merito nella Seconda guerra mondiale, ricopre per venticinque anni il ruolo di ingegnere Capo presso il Comune di Sassuolo. Da sempre appassionato di volo, nel 1959 consegue il brevetto di pilota e - socio dell’Aero Club d’Italia - partecipa due volte ai Campionati Mondiali per aerei da turismo. La sua passione per il volo comprende anche l’attività di aeromodellismo: in più di 30 anni realizza circa un migliaio di modellini di aereo, costruiti con cura e dedizione, imitando le diverse mimetizzazioni e creando ad hoc le parti non fornite nei kit di montaggio, approfondendo dettagli e particolari con scrupolose ricerche bibliografiche e fotografiche.
La volontà di donare gli aeromodelli al Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni si concretizza negli ultimi mesi della vita di Saltini, che riconosce nel più antico museo dedicato all’aeronautica al mondo una sede di grande prestigio, particolarmente adatta a conservare e valorizzare i suoi “piccoli gioielli”.

Fin dalla sua fondazione, avvenuta nel 1927, il Museo affianca infatti alla conservazione dei velivoli storici anche quella di documenti, libri, immagini e cimeli, testimonianza delle passioni che accompagnano la storia del volo.

La ricca raccolta è espressione della sensibilità dei suoi fondatori, in primo luogo dell’intuizione di Gianni Caproni. L’ingegnere trentino, pioniere del volo, anziché dismettere alcuni dei suoli velivoli più importanti ne decise infatti l’accantonamento a fine di collezione. Contestualmente, la moglie Timina Guasti, affiancò ai velivoli le prime raccolte di documenti, cimeli e opere d’arte legate al volo, stabilendo quale  “ufficio del museo curare la raccolta di tutto quanto si riferisca alla conquista dell’aria, perché le faticose tappe della nuova invenzione rimangano sempre vive nella memoria dei posteri”.


Evento segnalato da Museo dell’Aeronautica Gianni Caproni

Cerchi altri eventi/informazioni?

Filtra gli eventi in calendario tramite il pulsante
+ Filtro agenda.
Consulta la sezione soggetti e luoghi per visionare le programmazioni dettagliate dei nostri inserzionisti.
Se sei in cerca di suggerimenti o ispirazioni puoi consultare la pagina Eventi suggeriti con i consigli della nostra redazione, oppure la sezione Notizie e comunicati.
Vuoi sapere chi siamo o metterti in contatto con noi?: chi siamo, servizi e pubblicità.


Soggetti e luoghi
Consulta l’elenco completo dei nostri inserzionisti nella sezione dedicata


Advertising