Filtro agenda / Mostre ed esposizioni

L’odore della guerra

Evento segnalato da
- (Foto di Fabio Bucciarelli)
- (Foto di Fabio Bucciarelli)
Data: da Mar. 24 aprile a Gio. 10 maggio 2012
Dove: Gallerie Piedicastello, Trento
Orario: da martedì a domenica ore 9.00 - 18.00

LA GUERRA VICINA, LA GUERRA LONTANA

Si è aperta oggi, martedì 24 aprile, alle Gallerie di Piedicastello la mostra “L’odore della guerra. La guerra vicina, la guerra lontana”, personale fotografica di Fabio Bucciarelli vincitore del Professional Photographer of the year (PPOTY) 2011, curata da Raffaele Crocco.
33 fotografie in bianco e nero per raccontare gli otto mesi che hanno cambiato la storia della Libia attraverso l’obiettivo di Fabio Bucciarelli, l’unico fotografo ad aver immortalato il cadavere di Muammar Gheddafi nella casa di un ribelle a Misurata.
La mostra è organizzata dall’Associazione geografica 46° Parallelo, dall’Associazione ZonaF, in collaborazione con Comune di Rovereto, Arci del Trentino, Fondazione Museo storico del Trentino, Cgil del Trentino, Forum trentino per la pace e i diritti umani, associazione Artigiani.
La mostra è un progetto ideato dall’Associazione geografica 46° Parallelo - che dal 2009 realizza l’Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo - e ha l’obiettivo di offrire al pubblico uno spunto inedito per riflettere sulla natura del conflitto in Libia e di tutti i conflitti in corso nel mondo.
Le immagini in esposizione, allestite all’aperto su pannelli di 100 per 150 cm,  ci trascinano fin dentro i combattimenti, tra i ribelli, la sofferenza dei civili, le violazioni dei diritti umani. E la guerra in Libia diventa metafora di tutte le guerre del mondo. L’umanità dei protagonisti ritratti svela la disumanità di tutte le guerre, in ogni luogo e in ogni tempo.

Fabio Bucciarelli
Fotoreporter trentenne, torinese di nascita, laureato in Ingegneria al Politecnico di Torino, Bucciarelli ha iniziato a lavorare con una macchina fotografica nel 2009 e non si è piu' fermato. Iran, Turchia, Birmania, Thailandia, Tunisia, Egitto, Grecia, sono alcuni dei Paesi dove ha viaggiato per documentare le crisi, i conflitti e il dramma delle popolazioni civili. E poi la Libia, dove ha seguito la guerra dall’inizio delle ostilità fino alla morte del leader libico. A Misurata, Sirte, Tripoli, Bengasi. Tra i ribelli e poi solo con il cadavere di Muammar Gheddafi. Il suo personale appuntamento con la storia. Un'immagine che ha fatto il giro del mondo e gli ha fatto vincere il prestigioso Professional Photographer of the year (PPOTY) Award 2011 nella categoria Editorial News.


Evento segnalato da

Cerchi altri eventi/informazioni?

Filtra gli eventi in calendario tramite il pulsante
+ Filtro agenda.
Consulta la sezione soggetti e luoghi per visionare le programmazioni dettagliate dei nostri inserzionisti.
Se sei in cerca di suggerimenti o ispirazioni puoi consultare la pagina Eventi suggeriti con i consigli della nostra redazione, oppure la sezione Notizie e comunicati.
Vuoi sapere chi siamo o metterti in contatto con noi?: chi siamo, servizi e pubblicità.


Soggetti e luoghi
Consulta l’elenco completo dei nostri inserzionisti nella sezione dedicata


Advertising