Filtro agenda / Notizie

Sull’antica «via ai monti di Riva»

Notizia segnalata da MAG Museo Alto Garda
- (Foto dal sito ufficiale)
- (Foto dal sito ufficiale)
L’antica via è la protagonista della nuova pubblicazione del Museo Alto Garda per la collana delle «Antiche strade dell’Alto Garda». La guida è in vendita nelle sedi MAG di Riva del Garda in Rocca e di Arco presso la galleria civica «Segantini» a Palazzo

Dopo secoli d’oblio tornano le voci dei viandanti sulla «via ai monti di Riva», l’antica via di comunicazione da Riva del Garda a Bocca di Trat passando per Campi, un tempo l’unica strada per raggiungere la valle di Ledro, le valli lombarde e le Giudicarie, percorsa ogni giorno in particolare dalle donne di Campi che si recavano in piazza delle Erbe a Riva a vendere le loro poche cose. L’antica via, infatti, è la protagonista della nuova pubblicazione del Museo Alto Garda per la collana delle «Antiche strade dell’Alto Garda», come sempre in forma di guida escursionistica (corredata di un notevole apparato fotografico, in questo caso a cura del Fotogramma, Gruppo Fotoamatori di Nago) realizzata dal MAG e dall’associazione «Riccardo Pinter». Il progetto è ideato e coordinato da Monica Ronchini (MAG) con il sostegno della Provincia autonoma di Trento, assessorato alla cultura. La guida è in vendita nelle sedi MAG di Riva del Garda in Rocca e di Arco presso la galleria civica «Segantini» a Palazzo dei Panni.

Un’iniziativa che unisce la ricerca storica, la divulgazione all’ampio pubblico, la collaborazione tra associazioni: la collana editoriale delle «Antiche strade dell’Alto Garda», apprezzata iniziativa del MAG, arriva dunque alla quarta uscita, dopo le tre prime pubblicazioni (risalenti alla fine del 2009) sulla vecchia Maza, sulla «Via occidentale» (da Tenno al Ballino) e sulla «Via al castello» (verso il Tennese). La pubblicazione come sempre è divisa in tre parti: un itinerario fotografico, a cura di Giuliana Baldessari, Paolo Baldessarini, Sonia Calzà e Carlo Michelini per il gruppo fotoamatori «Il Fotogramma» di Nago; quindi l'itinerario storico, a cura dell'associazione Riccardo Pinter (Carlo Girardi e di Giovanni Menotti) e l'itinerario naturalistico a cura di Mimma Ballardini, con la collaborazione dell'associazione Tutela e valorizzazione dei marroni di Campi. Un progetto che dà corpo in modo completo all'idea del MAG, di unire tutti i referenti, istituzionali e privati del territorio in un'azione comune di attenzione, conoscenza e riappropriazione dei luoghi e delle loro radici storiche.

Tornano così ad essere conosciute, studiate e percorse le «Antiche strade dell'Alto Garda»: vie oggi in parte dimenticate, cancellate dal tempo e dalle alterne vicende della storia, ma in tempi non lontani al centro della vita e di un mondo, seppure molto diversi da oggi. Ripercorrendole, si viene trasportati in una vera e propria «realtà parallela»: muretti a secco, cippi e pietre di confine, ciottoli, iscrizioni a volte misteriose, pozzi, chiesette, casolari, tracce della bachicoltura e di altre attività perdute. Ma anche intere valli abbandonate, un tempo piene dei suoni della quotidianità e oggi silenziose e lontane. E perfino tracce di vita in età preistorica.



Pubblicato il 22 maggio 2012
Cerchi altri eventi/informazioni?

Filtra gli eventi in calendario tramite il pulsante
+ Filtro agenda.
Consulta la sezione soggetti e luoghi per visionare le programmazioni dettagliate dei nostri inserzionisti.
Se sei in cerca di suggerimenti o ispirazioni puoi consultare la pagina Eventi suggeriti con i consigli della nostra redazione, oppure la sezione Notizie e comunicati.
Vuoi sapere chi siamo o metterti in contatto con noi?: chi siamo, servizi e pubblicità.


Soggetti e luoghi
Consulta l’elenco completo dei nostri inserzionisti nella sezione dedicata


Advertising