Filtro agenda / Notizie

La Rete del Coordinamento Teatrale Trentino 2019

Comunicato stampa

Grazie ad una nuova rete di collaborazioni, il Coordinamento Teatrale Trentino allarga e sviluppa la sua vocazione al sostegno e alla diffusione della cultura sul territorio. Potendo contare su una struttura agile e su una comprovata professionalità acquisita negli anni, il Coordinamento Teatrale Trentino collabora con i Comuni soci, non solo nella creazione di stagioni teatrali e nella programmazione cinematografica nelle periferie trentine e nelle valli, ma si affianca e agevola una serie di eventi con la prestazione di servizi (come la gestione e il servizio prevendite), inaugurando nuove collaborazioni per l’organizzazione di eventi culturali, come  quelle instaurate con il Castello del Buonconsiglio e con il Centro Studi Martino Martini di Trento. Le novità della stagione sono state presentate questa mattina nel corso di una conferenza stampa da Loreta Failoni, presidente del Coordinamento Teatrale Trentino, Paolo Mattivi, direttore Ufficio Amministrativo del Castello del Buonconsiglio, Riccardo Zandonini, presidente Centro Studi Martino Martini, e Quinto Canali, assessore alla Cultura del Comune di Brentonico.
Per quanto riguarda la nuova collaborazione nata con il Castello del Buonconsiglio di Trento, il rapporto prevede l’organizzazione di attività teatrali e cinematografiche da realizzare all’interno degli spazi dei castelli, attraverso le quali valorizzare la cultura e l’arte, sempre nel pieno rispetto degli edifici storici.
Il rapporto instaurato con il Centro Studi Martino Martini di Trento, invece, è finalizzato alla realizzazione del Capodanno Cinese a Trento. L’evento si inserisce all’interno delle attività di studio del Centro Martino Martini, volte a promuovere le relazioni culturali fra Europa e Cina. L’evento si svolgerà in Piazza Dante a Trento nel pomeriggio di venerdì 15 febbraio, con lo spettacolo “Danza del Drago e del Leone”, evento di grande forza evocativa e pregno di un significato mitologico e simbolico che affonda le proprie radici nella più antica cultura orientale: la leggenda identifica il Leone come animale salvatore di villaggi infestati da mostri e colpiti da grandi disgrazie, - e oggi sinonimo di abbondanza, benessere, fortuna e prosperità -, mentre il Drago, l’animale più sacro, è l’emblema stesso dell’Imperatore, e come tale ne è anche emanazione divina e simbolo di forza e benevolenza. Inoltre, il coloratissimo corpo del Drago viene paragonato all’onda del mare, fedele e naturale rappresentazione di un Drago celeste. Nata oltre 5000 anni fa, si è mantenuta viva fino ad oggi e viene eseguita in tutto il mondo. Basti pensare che, ancora oggi, il Leone e il Drago sono animali-simbolo della Cina. La coreografia del Drago e del Leone verrà eseguita al ritmo del tamburo, arricchendosi di elementi pirotecnici e di fumi colorati.
Tra le sue numerose attività, il Coordinamento Teatrale Trentino collabora da anni alla realizzazione di eventi musicali, come concerti e rassegne, garantendo il servizio prevendita e biglietteria o svolgendo attività di natura organizzativa. In tal senso, occorre menzionare la collaborazione nata con Piattaforma Eventi per il concerto del celebre produttore e dj Giorgio Moroder che si terrà il prossimo 7 aprile sulle montagne di San Martino di Castrozza.
Fra le novità del 2019, il Coordinamento Teatrale Trentino, in collaborazione con il Comune di Rovereto, organizzerà la nuova stagione di Teatro Ragazzi “A Teatro con mamma e papà Rovereto”. La mini rassegna verrà ospitata nel Teatro Santa Maria di Rovereto e mette in calendario tre proposte di spettacolo: il 10 marzo Pandemonium Teatro presenterà “Cecco l’Orsacchiotto”, spettacolo di e con Tiziano Manzini, che racconta lo speciale rapporto che si crea tra i bambini e i loro peluches. Un rapporto che, crescendo, tende a mutare e ad essere sostituito con l’amicizia degli altri bambini; il 17 marzo, invece, Zanubrio Marionettes proporrà “Cose da Lupi”, di e con Riccardo Canestrari. Con oggetti delle quotidianità si narrano storie e si farà volare la fantasia. Infine, il 31 marzo, Accademia Perduta Romagna Teatri porterà in scena “Vita da gatto”, spettacolo di e con Ferruccio Filipazzi, che rraconta le grandi avventure di un cucciolo. Tutti gli spettacoli inizieranno alle ore 16.
Da anni attivo anche nella realizzazione di una interessante proposta cinematografica, anche in questa stagione il Coordinamento teatrale Trentino proporrà la proiezione di due pellicole, grazie alla collaborazione con Trentino Film Commission. Verrà presentato l’ultimo lavoro del regista trentino Stefano Collizzolli “Dove bisogna stare” in cui, attraverso il genere del docufilm, si affronta il tema della migrazione e dell’impegno personale. Il film sarà proposto il 13 marzo a Borgo Valsugana, il 20 marzo a Tione di Trento e il 20 e 21 marzo a Riva del Garda. Dopo il debutto a Pergine Valsugana, invece, sarà disponile sul territorio “Exitus - Il Passaggio” di Alessandro Bencivenga. Il Thriller storico girato in Trentino verrà proposto all’interno del circuito cinematografico del Coordinamento Teatrale Trentino, nelle piazze di Borgo Valsugana (6 e il 16 febbraio), a Baselga di Pinè (22 febbraio), a Mezzolombardo (1 aprile), a Riva del Garda (27 e 28 febbraio), a Tione (2 marzo), a Grigno (9 marzo) e ad Ala (10 marzo).
Sempre all’interno delle proposte cinematografiche, saranno disponibili a Brentonico i film del Film Festival della Montagna. Dopo “The last Honey Hunter” (2 febbraio), il 2 marzo si potrà rivedere “Holy Mountain” di Reinhold Messner e il 6 aprile “Senorita Maria, la Falda de la Montana” di Ruben Mendoza, Genziana d’Oro Miglior Film - Gran Premio “Città di Trento” – Trento Film Festival 2018.
Infine, per quanto riguarda le Stagioni di Prosa organizzate in collaborazione con i Comuni, sono tanti e importanti i nomi che calcheranno i palcoscenici dei numerosi teatri di periferia: da Lella Costa ad Anna Mazzamauro, passando per Gli Oblivion e molti altri grandi del teatro italiano, tra i quali Flavio Bucci, atteso a Ledro e Brentonico con “E pensare che ero partito così bene…!!”, spettacolo nel quale l’artista ripercorre la sua lunga carriera e la sua vita, in un momento di grande condivisione con il pubblico. Tra gli altri titoli in calendario occorre ricordare “Regalo di Natale” di Pupi Avati, adattamento teatrale firmato da Sergio Pierattini, con la regia di Marcello Cotugno (con Gigio Alberti, Filippo Dini, Giovanni Esposito, Valerio Santoro e Gennaro Di Biase), senza dimenticare “In nome del Padre”, un lavoro di e con Mario Perrotta, prodotto da Teatro Stabile di Bolzano, “Le Prenom” di Matthieu Delaporte e Alexandre De La Patellière, nella versione italiana di Fausto Paravidino, prodotto dal Teatro Stabile di Genova.
A sostegno della produzione locale sarà infine presentato il lavoro di Gianni Lucini ed Eleonora Pizzoccheri, interpretato da Guido Tonetti, Eleonora Pizzoccheri, Gaia Magni, Mirko Cherchi e Francesco Barbaglia, con la regia di Pierpaolo Sepe, “Margherita Della Parete Calva. - Eresia, Rivolta, Rogo”, sulla figura storica di un personaggio trentino che diventa spunto per riscoprire una pagina di storia locale, ponendo tuttavia interessanti argomenti di riflessione.



Pubblicato il 05 febbraio 2019
Cerchi altri eventi/informazioni?

Filtra gli eventi in calendario tramite il pulsante
+ Filtro agenda.
Consulta la sezione soggetti e luoghi per visionare le programmazioni dettagliate dei nostri inserzionisti.
Se sei in cerca di suggerimenti o ispirazioni puoi consultare la pagina Eventi suggeriti con i consigli della nostra redazione, oppure la sezione Notizie e comunicati.
Vuoi sapere chi siamo o metterti in contatto con noi?: chi siamo, servizi e pubblicità.


Soggetti e luoghi
Consulta l’elenco completo dei nostri inserzionisti nella sezione dedicata


Advertising