90 minuti / EVENTO ANNULLATO!

Evento segnalato da Teatro di Villazzano
- (Foto dal sito ufficiale)
Data: Ven. 13 novembre 2020
Dove: Teatro di Villazzano, Via U. Giordano 6, Villazzano (Tn)
Note: Informazioni su abbonamenti e biglietti nel sito del teatro

Ciclo "SPA Sport Politica e Arte".

Produzione Teatro del Simposio / Di Antonello Antinolfi / Con Ettore Distasio, Mauro Negri / Regia Francesco Leschiera / Scene e costumi Paola Ghiano, Francesco Leschiera / Luci Luca Lombardi / Elaborazioni sonore Antonello Antinolfi / Assistente alla regia Serena Piazza / Produzione Teatro del Simposio.

Lo spettacolo prende spunto dalla vita di Arpad Weisz, ebreo ungherese, calciatore e poi allenatore. Gioca nel Padova, poi nell’Ambriosiana (attuale Inter), ma un infortunio serio lo porta sulla panchina nerazzurra come tecnico. È lui a lanciare in prima squadra Peppino Meazza, a 17 anni,  è lui a vincere lo scudetto del ’30, sempre lui a scrivere, a quattro mani col dirigente Aldo Molinari, il manuale “Il giuoco del calcio”.

Col Bologna «che tremare il mondo fa» vince due scudetti consecutivi. Nella finale del Trofeo dell’ Esposizione, a Parigi, il Bologna batte 4-1 i maestri del Chelsea.

A causa delle leggi razziali del 1938 il Bologna lo licenzia e lascia la città in treno, direzione Parigi. La speranza è di trovare un lavoro. Dopo tre mesi punta sull’Olanda, Dordrecht. Città piccola, squadra semidilettantistica, ma con Weisz in panchina batterà più d’una volta il grande Feyenoord. Ma anche in Olanda, paese con un tasso altissimo di collaborazionismo, si stringe il cerchio.

Le SS arrestano la famiglia il 7 agosto ’42 e la prelevano dal campo di Westerbork, lo stesso per cui passerà Anna Frank, all’alba del 2 ottobre. Weisz viene dirottato su Cosel, campo di lavoro in Alta Slesia. Ha un fisico da atleta, può ancora servire. Per il resto della famiglia, Zyklon B. Poi sarà Auschwitz anche per lui.

Lo trovano morto la mattina del 31 gennaio ’44: di freddo, di fame, di solitudine, di disperazione. Non aveva mai saputo della famiglia, lo aveva solo immaginato.​

Il tema centrale dello spettacolo è soprattutto l’indifferenza della società che ha portato all’attuazione delle leggi razziali fino a giungere agli eccessi di crudeltà dei campi di concentramento con la connivenza delle nazioni che ne erano a conoscenza.

Informazioni e biglietti:
www.teatrodivillazzano.it


Evento segnalato da Teatro di Villazzano

Cerchi altri eventi/informazioni?

Filtra gli eventi in calendario tramite il pulsante
+ Filtro agenda.
Consulta la sezione soggetti e luoghi per visionare le programmazioni dettagliate dei nostri inserzionisti.
In Eventi suggeriti e Notizie e comunicati alcuni eventi e contenuti in evidenza.
Vuoi sapere chi siamo, come funziona il servizio o metterti in contatto con noi?: chi siamo, servizi e pubblicità.


Soggetti e luoghi
Consulta l’elenco completo dei nostri inserzionisti nella sezione dedicata


Advertising








COVID-19 / avviso agli utenti