Filtro agenda / Musica

Riverweed: dal Sile al Mississipi

Evento segnalato da
- (Foto dal sito ufficiale)
- (Foto dal sito ufficiale)
Data: Mer. 19 luglio 2017
Dove: Piscina di Castel Ivano, Via Pretorio 55, Fraz. Strigno, Castel Ivano (Tn) 
Orario: ore 19.30 
Note: Ingresso gratuito / Apericena con degustazione vini e buffet / In caso di maltempo l'evento verrà spostato alla piscina di Borgo Valsugana in Via Gozzer 52 / Informazioni: Rari Nantes Valsugana tel. 0461.700373, e-mail ufficio stampa giusyl@teletu.it

I Riverweed nascono a Treviso nell’autunno del 2014. Il gruppo è formato da Alessandro Cocchetto (chitarre e voce) e Filippo Ceron (batteria e voce). Il loro sound è ispirato al blues primordiale del delta del Mississippi, riletto in chiave contemporanea e sporcato da sonorità rock e garage. L’immediatezza delle canzoni, combinati a suoni d’impatto, rendono i Riverweed una band particolarmente efficace dal vivo.
Arrivano da Treviso e risalendo il fiume Sile hanno incontrato il loro Mississippi. I Riverweed, che hanno radici in questa terra in cui i capannoni industriali si alternano alla bellezza della natura, trovano in questi contrasti la loro ispirazione.
Suonano in due, spogliandosi di tutto, solo chitarra e batteria. La loro musica parte dal rock ma vuole risalire il corso del fiume, riscoprendo il delta blues delle origini, la musica indiana, fino al Mali di musicisti come Ali Farka Touré o i Tinariwen. Il tutto sporcato da un approccio tipicamente garage, ispirato da gruppi celebri come White Stripes o Black Keys.
Full Moon è il primo lavoro del duo: nei sei brani che compongono il disco mettono assieme le atmosfere del blues primordiale con una carica esplosiva tipica del rock. I testi narrano di un mondo di erba e fango, di un fiume placido sotto la luna piena, di uomini che distruggono il pianeta, e da cui si può fuggire riscoprendo la natura.
Il sound dei Riverweed è di impatto per trattarsi di un duo. L’ottima tecnica, anche nell’improvvisazione, è sempre al servizio di pezzi diretti e immediati. La batteria a tratti funky, la tecnica della slide guitar, assumono un aspetto nuovo grazie all’uso di effetti e distorsioni vicine al mondo dello stoner e del noise. Il disco ha un suono caldo e ricco, anche grazie all’uso che i due musicisti fanno di strumenti vintage.
Full Moon è stato registrato in analogico presso l’Outside Inside Studio di Biadene, sotto la supervisione di Matt Bordin, che con i suoi Mojomatics (altro storico power duo chitarra-batteria) ha infiammato i palchi non solo europei per oltre un decennio. Ora è il turno dei Riverweed, perennemente in tour, che dal vivo sanno essere esplosivi e coinvolgenti come pochi.

Video: The Mole


Evento segnalato da

Cerchi altri eventi/informazioni?

Filtra gli eventi in calendario tramite il pulsante
+ Filtro agenda.
Consulta la sezione soggetti e luoghi per visionare le programmazioni dettagliate dei nostri inserzionisti.
In Eventi suggeriti e Notizie e comunicati alcuni eventi e contenuti in evidenza.
Vuoi sapere chi siamo, come funziona il servizio o metterti in contatto con noi?: chi siamo, servizi e pubblicità.


Soggetti e luoghi
Consulta l’elenco completo dei nostri inserzionisti nella sezione dedicata


Advertising








COVID-19 / avviso agli utenti