Filtro agenda / Notizie

Polvere di stelle. Respiriamo la Nuova stagione 2020/21

Notizia segnalata da Teatro Cristallo
Conferenza stampa (Foto dal sito ufficiale)
Conferenza stampa (Foto dal sito ufficiale)
Comunicato stampa del Teatro Cristallo di Bolzano

Dopo il lockdown si riparte con una ricca stagione di prosa con gli spettacoli “In scena” e la proposta della Uil. Ma anche la grande musica de “L’Obiettivo”, il teatro per bambini e i corsi del Cortocircuito.

«Il sogno è un teatro in cui chi sogna è scena, attore, suggeritore, regista, autore, pubblico e critico insieme»
Carl Gustav Jung

Esistere è respirare e l’arte ne è il suo riscatto. La poesia, diceva Paul Celan, è la “svolta del respiro”. Vivere poeticamente significa dare libero sfogo al respiro. E mai come oggi il respiro rappresenta la vita e l'immaginazione in una fusione esistenziale fra etica ed estetica insieme. Come ricordava la filosofa ungherese Ágnes Heller: «La bellezza ci salverà, e ci salva tuttora, dal mostro della disperazione. In ogni istante di sconforto, di più profonda e buia sfiducia religiosa, emotiva, o in qualsiasi altra situazione che ci getti nell’ombra dell’avvilimento, fermiamoci, fermiamoci per un istante e diamoci il tempo di osservare qualcosa di bello, di far risplendere nei nostri occhi i bagliori che solo la bellezza sa offrirci».

Il Teatro Cristallo riparte – questa mattina si è tenuta la conferenza stampa sul palco del teatro - con un fitto programma di proposte teatrali e culturali per questa stagione 2020-2021 nel tempo furibondo di emergenza da Covid-19.  Sono stati mesi di apnea, di assenza, di paura, di spaesamento, di mancanza eppure si è continuato a pensare a come dare ossigeno a questa “svolta del respiro” che solo l’arte riesce a donarci. E così è nato il percorso “Fuori scena” (nell’ambito del Festival patrocinato dal Comune, Bolzano-Bozen Open Air) per far rivivere le piazze, i cortili, i parchi della nostra città con spettacoli estivi all’aperto dedicati a Federico Fellini (a cento anni dalla nascita) come La valigia di un gran bugiardo diretto da Andrea Bernard e AsaNisiMasa. Viaggio onirico attraverso l’universo onirico di Federico Fellini nato da una idea di Giovanni Chiericati con Flora Sarrubo, con Oscar Bettini, Monika Callegaro, Sergio Farina. Così per i cento anni di Gianni Rodari con lo spettacolo Giromondo di cui continueremo il ricordo il 7 ottobre con lo spettacolo di Manuel Randi, Marco Stagni e Maura Pettorusso Grammatica di un’utopia e nell’ambito de “Le vie del sacro” il 22 ottobre insieme a Vanessa Roghi con Lezioni di Fantastica. E ancora abbiamo pensato a come dare voce al grande scrittore cileno Luis Sepulveda, una delle vittime più celebri del coronavirus ed è nata una rilettura scenica di una delle opere più famose, Il vecchio che leggeva romanzi d’amore di Lucas Joaquin da Tos Villalba (il 22, il 24 e il 26 settembre).

Polvere di stelle, questo il titolo pensato per la  nuova stagione, rappresenta la volontà di riprendere a immaginare il mondo, di tornare a veicolare una parola “altra” e a ritessere i legami sociali e umani (pur con tutto il rispetto dei criteri di sicurezza e di distanziamento previsti dalle normative anticovid) che il “virus sovrano” sta cercando di ostacolare dando manforte a una idea di “democrazia immunitaria” come l’ha definita la filosofa Donatella Di Cesare nel suo libro “Virus sovrano? L'asfissia capitalistica”.

Il percorso di prosa “In scena” - rassegna in stretta collaborazione con il Teatro Stabile di Bolzano - partirà a novembre, con le due date dell'11 e del 12 insieme a Natalino Balasso e al suo Dizionario Balasso (a colpi di Tag). Il 24 novembre sarà la volta di Ambra Angiolini e Ludovica Modugno con uno spettacolo di denuncia sul bullismo dal titolo Il nodo. Grande attesa il 15 gennaio per lo spettacolo di Marco Paolini Teatro fra parentesi: Le mie storie per questo tempo. Il 22 gennaio sarà la volta de L’anfitrione con un cast d'eccezione come Gigio Alberti, Barbara Bobulova, Antonio Catania, Giovanni Esposito, Valerio Santoro, Valeria Angelozzi e Filippo Dini. Il 4 febbraio andrà in scena L’onore perduto di Katharina Blum, dal romanzo di Heinrich Böll con la regia di Franco Però. Il 17 febbraio Leo Gullotta porterà il suo Bartleby lo scrivano mentre il 7 marzo Mario Perrotta proporrà il secondo capitolo della trilogia In nome del padre, della madre, dei figli, ossia Della madre, uno spettacolo del Teatro Stabile di Bolzano in collaborazione con il Teatro della Piccionaia. Il 19 marzo assisteremo alla più famosa fabulazione di Dario Fo, Mistero buffo, un omaggio al premio Nobel da parte di Ugo Dighero. La rassegna chiuderà il 22 aprile con uno spettacolo sulla tempesta Vaia dal titolo Da qui alla luna di Andrea Pennacchi.

Ricca la rassegna “Racconti di musica” dell’associazione “L’obiettivo”. Si parte il 19 settembre, con Spazi sonori della cantautrice veneta Francesca Michielin. Il 2 ottobre sarà la volta di Gio Evan, artista poliedrico, cantautore e artista di strada con il suo Albero ma estro. Il 30 ottobre l’atteso tributo di musicisti locali a Beatles e Rolling Stones con un concerto di musica, immagini, racconti da un’idea di Franz Zanardo. Il 7 novembre si esibirà Bugo in un trio acustico e il 21 Morgan & Megahertz. Uno dei momenti clou della stagione è il concerto previsto per il 27 novembre con Alice canta Battiato. E si attendono le conferme degli eventi per il prossimo anno.

Gli spettacoli per bambini della compagnia teatroBlu debutteranno il 24 ottobre con Nico cerca un amico de “Il baule volante” e proseguiranno il 14 con I due principi, Il 28 ci sarà Il piccolo clown e il 12 dicembre La bella e la bestia.

La Uilt (Unione Italiana Libero Teatro) propone dieci spettacoli di teatro amatoriale. Si parte il 25 ottobre con I promossi sposi del teatro delle Arance di San Donà di Piave. L’8 novembre la compagnia Ronzinante di Merate porterà in scena Questo Otello è tutta un’altra storia. Mentre le Luci della Ribalta proporranno, il 22 novembre, Il colpo della strega. Il 13 dicembre la Kombriccola di Merano proporrà la sua Verità su Freud. Gli spettacoli proseguono nel 2021 con altre date e altre proposte.

Anche la stagione del Teatro Cristallo young riparte, dopo la parentesi del lokdown, con un fitto programma di corsi del Centro giovani Corto Circuito che di anno in anno arricchisce la propria attività e le proprie proposte culturali focalizzando l’attenzione sulla formazione e la diffusione di un sentimento positivo di ricerca artistica e di uno spirito di incontro e di collaborazione per i bambini e le famiglie. Corsi di comprensione della realtà, di conoscenza del mondo e dell’altro, di rafforzamento delle identità e della relazione con l’ambiente circostante, di acquisizione di tecniche teatrali e artistiche e di pratiche di benessere psicofisico.

Il Teatro Cristallo ringrazia i sostenitori di questa nuova stagione: l’Assessorato alla Cultura Italiana della Provincia Autonoma di Bolzano, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Bolzano, la Regione Trentino Alto Adige, la Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, Alperia SpA e la Cassa di Risparmio di Bolzano.

Per motivi connessi alla situazione di imprevedibilità dell’emergenza Covid si è deciso quest’anno di non procedere con la campagna abbonamenti per cui è possibile accedere agli eventi solo con l’acquisto del biglietto. Si può invece sottoscrivere la Cristallo Card che permette di avere riduzioni per ogni singolo appuntamento.

Il programma della stagione

Ulteriori informazioni:
www.teatrocristallo.it



Pubblicato il 12 settembre 2020
Cerchi altri eventi/informazioni?

Filtra gli eventi in calendario tramite il pulsante
+ Filtro agenda.
Consulta la sezione soggetti e luoghi per visionare le programmazioni dettagliate dei nostri inserzionisti.
In Eventi suggeriti e Notizie e comunicati alcuni eventi e contenuti in evidenza.
Vuoi sapere chi siamo, come funziona il servizio o metterti in contatto con noi?: chi siamo, servizi e pubblicità.


Soggetti e luoghi
Consulta l’elenco completo dei nostri inserzionisti nella sezione dedicata


Advertising








COVID-19 / avviso agli utenti