Filtro agenda / Mostre ed esposizioni

Incontri in Giappone

Evento segnalato da Castello del Buonconsiglio
- (Foto dal sito ufficiale)
Data: da Sab. 03 dicembre 2022 a Lun. 01 maggio 2023
Dove: Castello del Buonconsiglio, Via B. Clesio, Trento
Orario: Apertura tutti i giorni, tranne i lunedì non festivi e il 25 dicembre / Da sabato 17 dicembre 2022 a domenica 8 gennaio 2023 apertura da martedì a domenica con orario  9.30 - 18.00 / Da martedì 10 gennaio a domenica 30 aprile apertura dal martedì alla domenica con orario 9.30 alle 17.00 / Da lunedì 1 maggio 2023* a domenica 5 novembre 2023 apertura dal martedì alla domenica con orario 10.00 – 18.00 / Da martedì 7 novembre 2023 a venerdì 15 dicembre 2023 apertura da martedì a domenica con orario 9.30 - 17.00 / Da sabato 16 dicembre 2023 a domenica 7 gennaio 2024, e tutti i sabati e le domeniche di dicembre  orario 9.30 – 18.00 / Chiuso tutti i lunedì non festivi, il 25 dicembre / *APERTURE STRAORDINARIE: 1 gennaio 2023 e 2024 dalle ore 11.00 alle ore 17.00, lunedì 2 gennaio 2023, lunedì 24 aprile 2023, lunedì 1 maggio, lunedì 26 giugno 2023, e tutti i lunedì di agosto 2023, tutti i lunedì festivi
Note: informazioni, tariffe e modalità di accesso in www.buonconsiglio.it

Le fotografie di Felice Beato e le raccolte di Giuseppe Grazioli al Castello del Buonconsiglio.

Per molto tempo il Giappone rimase pressoché sconosciuto agli europei. Unico luogo di scambi commerciali e culturali con l’Europa, da quando il Paese si era chiuso nel 1641, era l’isola artificiale di Dejima a Nagasaki, dove aveva sede la Compagnia Olandese delle Indie Orientali.  Fu solo nel 1859, a seguito della pressione delle forze occidentali, che si aprì nuovamente al commercio con l’estero, e i suoi porti iniziarono ad accogliere mercanti e viaggiatori di tutto il mondo. Il fascino di questa realtà del lontano Oriente e della sua cultura toccò profondamente il mondo occidentale, suscitando passioni che sfociarono ben presto nel cosiddetto “giapponismo”: bronzi, ceramiche, lacche, ventagli, paraventi, armature, spade, tessuti, stampe non solo entrarono nelle dimore degli europei, che facevano a gara per acquistarli, collezionarli ed esporli, ma influenzarono le arti sotto molteplici aspetti.

La mostra, curata da Pietro Amadini e dal direttore del museo, Laura Dal Prà, racconta il Giappone di quel tempo attraverso fotografie e oggetti d’arte collezionati da Giuseppe Grazioli, il religioso ed agronomo trentino che dal 1864 al 1868 si recò a Yokohama alla ricerca di uova del baco da seta sane, divenute introvabili per la diffusione della pebrina, la malattia che aveva compromesso la produzione sericola di tutta Europa. Ogni anno, al ritorno dai suoi viaggi, Grazioli donò le opere da lui acquistate nella città nipponica al Museo Civico di Trento, le cui raccolte furono poi concesse in deposito dal Comune al Museo Nazionale, inaugurato nel 1924 nel Castello del Buonconsiglio.
Incontri in Giappone è dunque l’occasione per narrare la straordinaria avventura di Grazioli attraverso una inedita selezione di importanti manufatti della sua collezione dalle mappe, ai dipinti, stampe, lacche, bronzi, armi e oggetti della quotidianità, scandita con preziose fotografie di noti professionisti del periodo, raccolte in occasione delle tappe dei lunghi viaggi intrapresi, delle soste prolungate a Yokohama assieme ad altri semai, degli incontri con diplomatici occidentali e con residenti giapponesi.
Grazie anche alla collaborazione con la Biblioteca Comunale di Trento, l’esposizione presenta in una prima sala la figura di Grazioli e i suoi viaggi, mostrando per la prima volta i suoi preziosi taccuini di viaggio. Stampe all’albumina di Vassilaki Kargopoulo, di Antonio Beato, di Wilhelm Hammerschmidt, dello studio di George S. Lawrence e Thomas Houseworth di San Francisco e di altri fotografi ancora, illustrano le principali tappe dell’itinerario asiatico e di quello americano, così impegnative e al tempo stesso interessanti, in un'età precedente all’apertura del Canale di Suez e a quella dello Stretto di Panama. Un’armatura completa da samurai, appositamente restaurata per l’occasione, introduce quindi alla sala successiva, dedicata al Giappone, dove si sviluppano le sezioni principali: si parte con le carte de visite di Shimooka Renjō, tra i primissimi fotografi professionisti giapponesi, per passare a Felice Beato, maestro indiscusso della scuola fotografica di Yokohama, dal quale Grazioli acquistò nel 1865 dieci albumine, rappresentative della primissima produzione fotografica dell’artista in terra nipponica, quello cioè antecedente l’incendio della città del 1866, che coinvolse anche il suo studio. Infine, dopo un accenno al rapporto fra pittura di genere e fotografia e a curiose testimonianze di costume si giunge alla sezione conclusiva, dove la grande riproduzione di una famosa fotografia di Felice Beato raffigurante un tipico negozio di oggettistica (Curioshop) è lo spunto per esibire una selezione di manufatti giapponesi d’arte applicata quale esempio dell’offerta che il mercato di Yokohama proponeva ai sempre più numerosi stranieri “giramondo” dell’epoca.

La mostra gode del Patrocinio del Comune di Trento, del Consolato Generale del Giappone a Milano e della Fondazione Italia Giappone.

Informazioni complete:
https://www.buonconsiglio.it


Evento segnalato da Castello del Buonconsiglio

Cerchi altri eventi/informazioni?

Filtra gli eventi in calendario tramite il pulsante
+ Filtro agenda.
Consulta la sezione soggetti e luoghi per visionare le programmazioni dettagliate dei singoli inserzionisti.
In Eventi suggeriti e Notizie e comunicati alcuni eventi e contenuti in evidenza.
Vuoi sapere chi siamo, come funziona il servizio o metterti in contatto con noi?: chi siamo, servizi e pubblicità.


Soggetti e luoghi
Consulta l’elenco completo dei nostri inserzionisti nella sezione dedicata


Advertising








COVID-19 / avviso agli utenti