Filtro agenda / Notizie

Il Mag nell’epoca del coronavirus: primo bilancio

Notizia segnalata da MAG Museo Alto Garda
Comunicato stampa

Il Museo Alto Garda ha affrontato l’emergenza sanitaria reinventandosi e proponendo nuove iniziative e modalità multimediali, offrendo un diversivo nella routine della quarantena e contribuendo a far scoprire o riscoprire le bellezze culturali e naturali del territorio.

A partire dal mese di marzo sono stati prodotti e caricati sui canali social del museo contenuti multimediali sulle collezioni, sulle mostre temporanee, sulle diversi sedi del Mag (Museo di Riva del Garda, galleria civica «Giovanni Segantini», torre Apponale e forte Garda), diversificati secondo il target di riferimento: quiz sulla storia dell’Alto Garda, filmati per descrivere le opere, pillole di storia per raccontare il passato remoto e recente del territorio, e giochi per bambini e famiglie. Il calendario social prevede il lunedì l’approfondimento sulla mostra temporanea «Fermoimmagine», il martedì attività per un pubblico familiare, il mercoledì i forti del monte Brione, il giovedì l’approfondimento sulle collezioni e sulla mostra «Il sacro e il quotidiano», e il sabato il quiz su tematiche locali attingendo dalle fotografie dell’archivio storico del Mag. Oltre a queste proposte fisse sono stati creati contenuti ad hoc per le diverse ricorrenze storiche e culturali di ambito locale, nazionale e internazionale. Molti di questi contenuti sono stati caricati sul sito web www.museoaltogarda.it e sul canale Youtube «Mag Museo Alto Garda». È stato anche arricchito il sito internet, mediante l’inserimento di saggi, schede e filmati di approfondimento per studiosi, appassionati e personale docente, ma anche giochi e attività per pubblico familiare.

Il risultato: dal primo gennaio al 29 febbraio la pagina FB è passata da 4011 a 4037 «mi piace» (+26), i 20 post pubblicati hanno avuto una media di copertura (cioè il numero di persone che lo hanno visto almeno una volta) di 326, una media delle impression (il numero di volte in cui i post hanno raggiunto gli utenti) di 7237 e una media della reach (il numero di utenti unici raggiunti) di 2916. Su Instagram il Mag ha pubblicato 6 post. Il canale Youtube ha ottenuto 14 iscrizioni con un video (caricato il 20 aprile).
Dal primo marzo al 22 maggio la pagina FB è passata da 4037 a 4334 «mi piace» (+297), i post pubblicati sono stati 83 (+63) e hanno ottenuto una media di copertura di 2562, una media delle impression di 38.686 e una reach media di 15.285. Su Instagram il Mag ha pubblicato 67 post (+61). Il canale Youtube, sempre con 14 iscrizioni, è passato a 12 video (+11) con 820 views (dal 28 aprile, data del caricamento del primo video di didattica).

«Queste novità sono state realizzate dagli operatori didattici del Mag -spiega l’assessora alla cultura Flavia Chincarini- in via sperimentale e in un contesto completamente nuovo. Si tratta di una vera e propria trasformazione, che è stata possibile grazie alle competenze di professionisti specializzati dello staff, collaboratori esterni che hanno permesso di produrre contenuti multimediali di qualità anche nel periodo di apertura del museo, con particolare riferimento sia alle numerose iniziative che il Mag ha messo in calendario, sia alle mostre. Anche il rinnovamento digitale dei percorsi espositivi, necessario per soddisfare le linee proposte dal Mibact, che vieta il materiale cartaceo nelle sale in favore dei QR-code, è stato possibile in tempi relativamente rapidi grazie alle competenze dello staff del museo».

Altre novità dell’epoca del coronavirus sono «Memorie d’istanti», una raccolta collettiva di immagini, filmati e testi per condividere gli stati d’animo e i pensieri delle persone in questo momento così difficile, con un’apposita comunicazione coordinata digitale attraverso locandine, immagini per il sito, eventi online, coordinamento con realtà culturali locali e nazionali, realizzata in sinergia con il Comune di Riva del Garda; e l’adesione a RipARTiamo, progetto nato da un gruppo di studenti e dottorandi della facoltà di scienze della formazione dell'Università di Bolzano con l’obiettivo di coltivare la relazione tra i bambini della scuola primaria facendo da ponte tra il presente virtuale e il futuro, con una didattica collaborativa e l’uso di linguaggi espressivi. Il Mag aderisce all’iniziativa come partner e ospiterà i bambini in museo il prossimo autunno.



Pubblicato il 27 maggio 2020
Cerchi altri eventi/informazioni?

Filtra gli eventi in calendario tramite il pulsante
+ Filtro agenda.
Consulta la sezione soggetti e luoghi per visionare le programmazioni dettagliate dei nostri inserzionisti.
In Eventi suggeriti e Notizie e comunicati alcuni eventi e contenuti in evidenza.
Vuoi sapere chi siamo, come funziona il servizio o metterti in contatto con noi?: chi siamo, servizi e pubblicità.


Soggetti e luoghi
Consulta l’elenco completo dei nostri inserzionisti nella sezione dedicata


Advertising








COVID-19 / avviso agli utenti