Filtro agenda / Notizie

La cultura non si ferma

Castello di Rovereto/Museo Storico Italiano della Guerra (Foto da sito ufficiale)
Castello di Rovereto/Museo Storico Italiano della Guerra (Foto da sito ufficiale)
Anche il Museo della Guerra di Rovereto punta sulle risorse digitali

Audio guide, materiali didattici, approfondimenti, pubblicazioni e archivi on line sono solo alcuni degli strumenti che il Museo della Guerra sta mettendo in campo per affrontare la prospettiva di un lungo periodo di chiusura al pubblico. Sul sito web e sui canali social sarà possibile seguire anche i lavori per l'allestimento dei nuovi spazi del Castello, da poco restaurati.

In un momento in cui i luoghi della cultura non sono accessibili ai visitatori, molti musei si stanno attivando per facilitare l'accesso al proprio patrimonio attraverso il web, aderendo alla campagna del Ministero per i Beni e le Attività culturali “La cultura non si ferma”.
Il Museo della Guerra di Rovereto, con la chiusura al pubblico e una parziale riduzione dei servizi, ha deciso di concentrare le energie da un lato sulla preparazione dei nuovi allestimenti che interesseranno le sale nei prossimi mesi e dall'altro sul rafforzamento dei contenuti on line.

Sono numerose le risorse già presenti e accessibili tramite il sito museodellaguerra.it, come quelle relative all'Archivio storico: tra i documenti liberamente consultabili ci sono i numerosi inventari degli archivi di persone, di famiglie e di associazioni che sono stati riordinati e catalogati negli ultimi anni dal Museo. Tra questi, è disponibile in versione integrale l'archivio di Emilio de Pilati (1890-1972), di cui, per volontà degli eredi, il Museo della Guerra conserva la vasta raccolta fotografica oltre alle corrispondenze, ai diari e alle memorie relative alla Prima guerra mondiale.
L'Archivio dei caduti trentini della Prima guerra mondiale, permette invece di esplorare il corposo database creato dal Museo che contiene le schede dettagliate, spesso corredate di foto e informazioni personali, di chi perse la vita durante la Prima guerra mondiale.
È sull'Archivio fotografico però che il Museo sta concentrando maggiormente i suoi sforzi. Una parte dell'ampia collezione di immagini conservate al Museo è già disponibile sul portale di Trentino Cultura, ma saranno presto consultabili nuovi fondi fotografici tramite la piattaforma Archiui, che consentirà di esplorarli, di effettuare ricerche e approfondimenti. Uno strumento utile a ricercatori e appassionati ma anche a studenti e semplici curiosi.

Per quanto riguarda le pubblicazioni edite dal Museo, si possono leggere e scaricare gratuitamente in versione pdf gli Annali del Museo, che raccolgono contributi storici e scientifici, saggi e relazioni sulle attività del Museo, le sue ricerche e le collezioni. A breve sarà disponibile anche l'ultimo volume, il numero 27, che insieme agli altri sarà caricato anche sulla piattaforma Academia.eu.

Si sta lavorando anche all'aggiornamento dell'intero catalogo delle pubblicazioni, che conta oltre un centinaio di titoli dedicati alla Prima e alla Seconda guerra mondiale, diari e memorie, cataloghi delle mostre e delle collezioni, atti di convegni, testi tecnici, guide escursionistiche, pubblicazioni per ragazzi.

Agli studenti e agli insegnanti, il Museo offre alcuni strumenti didattici, che vanno ad affiancarsi a quelli già messi in campo da altre istituzioni e che prossimamente saranno implementati. Si possoni quindi scaricare schede didattiche, anche per alunni con DSA e materiali CLIL. Disponibili anche i video e gli audio integrali di alcuni dei corsi di formazione svolti negli ultimi anni al Museo.
Il Museo ha pensato anche ai più piccoli, che nella sezione Famiglie del sito possono trovare un video ed un libretto illustrato che spiegano in modo semplice e chiaro la Prima guerra mondiale. Inoltre, è possibile sfogliare e leggere gratuitamente tutte le guide escursionistiche della collana “La montagna dei ragazzi” realizzate da Accademia della Montagna in collaborazione con il Museo della Guerra, con moltissimi itinerari e approfondimenti. E infine, schede illustrate da stampare e colorare.

In attesa che ci si possa nuovamente dedicare alle escursioni, si può comunque esplorare il territorio e scoprire i principali siti storici della Prima guerra mondiale in Trentino grazie al portale trentinograndeguerra.it che offre una vasta raccolta di itinerari e di schede storiche su monumenti, musei e luoghi della memoria dell'intera provincia.
Non mancano infine i contenuti video, raccolti sul canale Youtube del Museo, con playlist dedicate al Museo e al Castello, agli altri musei della Rete Trentino Grande Guerra, ai forti del Trentino, ai luoghi della Grande Guerra in Vallagarina e molto altro.

Nelle prossime settimane saranno implementati i contenuti relativi alle ricche collezioni del Museo, in particolare i materiali che confluiranno nelle prossime mostre e nei nuovi allestimenti. Sarà aggiornata anche l'adioguida del Museo che consentirà di fare un vero e proprio tour virtuale nelle sale.
Tutti questi strumenti, confluiranno in un nuovo sito web che sarà messo on line nei prossimi mesi e che costituisce un tassello del grande lavoro che il Museo sta svolgendo per farsi trovare pronto quando potrà riaprire le sue porte ai visitatori.



Pubblicato il 24 marzo 2020
Cerchi altri eventi/informazioni?

Filtra gli eventi in calendario tramite il pulsante
+ Filtro agenda.
Consulta la sezione soggetti e luoghi per visionare le programmazioni dettagliate dei nostri inserzionisti.
In Eventi suggeriti e Notizie e comunicati alcuni eventi e contenuti in evidenza.
Vuoi sapere chi siamo, come funziona il servizio o metterti in contatto con noi?: chi siamo, servizi e pubblicità.


Soggetti e luoghi
Consulta l’elenco completo dei nostri inserzionisti nella sezione dedicata


Advertising








COVID-19 / avviso agli utenti